Blog

  • +
    Tutta un’altra BI: come è cambiato il mondo della business intelligence
  • lavorare in miriade
    +
    Un pomeriggio in Miriade: il racconto di tre studentesse
  • tutta un'altra bi
    +
    Tutta un’altra BI | Padova 13 febbraio
  • +
    Marketing Intelligence: la business intelligence al servizio del marketing incuriosisce le aziende
  • +
    Una BI sempre più smart: linguaggio naturale e assistenti vocali
  • Orange Aperitifs
    +
    Orange Aperitifs: gli aperitivi d’innovazione di Miriade
  • chatbot customer_care
    +
    Chabot: customer care semplice ed efficiente che piace agli utenti
  • smart working persone processi
    +
    Smart working: persone, processi e tecnologie
  • trend business intelligence 2019
    +
    I trend della Business Intelligence per il 2019 secondo Qlik
  • +
    Miriade: come diventare la migliore azienda informatica dove crescere
  • CONFERMA ORA LA TUA PRESENZA _eyes on ransomware
    +
    Eyes on Ransomware: una settimana all’evento con Sophos
  • cyber security tendenze 2019 social
    +
    Cyber Security: le tendenze del 2019

Smart working: persone, processi e tecnologie

By Luca Zanetello 1 mese faNo Comments

Il mondo del lavoro è in una fase di cambiamento radicale. Grazie ad una digital transformation sempre più pervasiva si sta assistendo a un sensibile mutamento dello scenario che coinvolge spazi, ruoli e tempi: lo smart working.
Un cambiamento che parte sì dalle tecnologie, ma non è solamente cambiamento tecnologico: si tratta di un mutamento che interessa le strategie di persone e figure professionali che sono coinvolte e immerse in logiche sempre più smart.
Gli aspetti principali che vanno principalmente ripensati sono quelli logistici, legati a spazi e tecnologie, ma soprattutto alla connettività che aiuta a collaborare e lavorare in modo flessibile per massimizzare la produttività di gruppi e team.
Senza ovviamente dimenticare la sicurezza: la protezione dei dati e sistemi deve essere sempre al centro dell’attenzione.

Ma quali sono le basi su cui strutturare strategie di smart working?

Sei pilastri individuati da Digital4.

1- Mobilità: non esistono luoghi o tempi predeterminati per lo svolgimento di un lavoro. Ovviamente il tuo va valutato nel rispetto del compito richiesto, delle esigenze del gruppo di lavoro e del singolo dipendente.
2- Condivisione e collaborazione: informazioni, flussi e documenti devono poter essere condivisi ed essere accessibili al proprio gruppo di lavoro o con altri gruppi, indipendentemente dal luogo fisico in cui ci trova.
3- Allocazione degli spazi: i luoghi di lavoro non sono più assegnati secondo logiche di seniority o “ad personam” ma sulla base delle attività che vengono svolte.
4- Flessibilità: la flessibilità diventa la regola e non l’eccezione soprattutto a livello culturale e non solamente tecnologico.
5- Revisione continua: i processi e le attività vengono continuamente rivisti e adattati per essere sempre rispondenti alle esigenze e orientate verso gli obiettivi.
6- Risultati: sono i risultati ad essere misurati per valutare il lavoro dei dipendenti e non la loro effettiva presenza sul luogo di lavoro.

Smart Working: Tecnologia sì, ma soprattutto cultura

Spesso nelle aziende che si avvicinano a questo tipo di modalità lavorativa l’attenzione è focalizzata solamente sull’aspetto tecnologico, su quali infrastrutture e strumenti adottare. Come già spiegato, invece, lo Smart Working è soprattutto un cambiamento culturale che porta a ripensare l’organizzazione e le modalità operative del lavoro e le relazioni tra le persone.
È un percorso di cambiamento che coinvolge persone, processi e tecnologie.

Le persone

All’interno delle aziende oggi i dipendenti e collaboratori vogliono poter avere massima libertà di accesso a strumenti, documenti e informazioni in qualsiasi momento e su qualsiasi dispositivo, potendo comunicare e collaborare con i colleghi senza i vincoli degli spazi fisici tradizionali. Per le imprese risulta quindi fondamentale ascoltare le esigenze dei propri dipendenti e comprendere come desiderano lavorare, con l’obiettivo di mettere a loro disposizione strumenti e conoscenze di cui hanno bisogno.

I processi

La velocità e la dinamicità richieste alle imprese oggi, obbliga a ripensare i tradizionali modelli organizzativi e spesso imposti dall’alto. Se si sceglie di intraprendere un percorso di cambiamento mirato allo smart working è necessario rivedere processi, abitudini e comportamenti e valutare cosa funziona e cosa no, con l’obiettivo di garantire nuovi livelli di efficienza e migliorare l’esperienza di lavoro.

Le tecnologie

Nella fase di scelta delle tecnologie adottare è bene tenere presente due aspetti fondamentali: le tecnologie devono essere in linea con gli obiettivi di business e gli strumenti devono essere sempre accessibili a dipendenti e collaboratori in qualsiasi momento. Le tecnologie devono consentire a dipendenti e collaboratori di lavorare meglio e fare di più e non rappresentare un ostacolo.

Scopri di più

Lo Smart Working è la flessibilità sono elementi che sempre più aziende vogliono introdurre all’interno dei propri processi e Miriade è pronta a supportarle per accompagnarle in questo processo di cambiamento.

Per scoprire come possiamo aiutarti visita le pagine dedicate al Cloud e ad Hangouts Meet hardware e Jamboard, i prodotti Google per migliorare produttività, collaborazione e condivisione dei team di lavoro.

Photo Credit: Pixabay

Category:
  Miriade
this post was shared 0 times
 100

Leave a Reply

Your email address will not be published.