Blog

  • chatbot
    +
    È tempo di chatbot
  • service design
    +
    Service Design: la relazione tra azienda e designer è fondamentale
  • Data science Learnhaton KNIME 3
    +
    Data Science Learnathon a Milano: il racconto dell’appuntamento con KNIME
  • etica data science
    +
    Data Science, serve un’etica professionale
  • generatività imprese
    +
    Generatività, al centro dell’impresa del futuro
  • service design miriade
    +
    Service Design, teoria e pratica
  • miriade milano yoroom
    +
    Miriade a Milano | La nuova sede
  • gdpr applicazione miriade
    +
    25 maggio 2018: la privacy ai tempi del GDPR
  • fiducia responsabilità sociale impresa
    +
    Fiducia digitale e responsabilità: Miriade al Salone di Impresa 2018
  • marketing quantitativo
    +
    Miriade torna all’università per parlare di marketing quantitativo
  • soft skills cultura digitale
    +
    Soft skills a sostegno della cultura digitale
  • play 4 ciai miriade ciai
    +
    Saper fare, fare bene, fare insieme

Service Design: la relazione tra azienda e designer è fondamentale

By Barbara Gozzi 1 settimana agoNo Comments

Il service design ― il design dei servizi ― è un percorso complesso: progettare servizi garantendo esperienze d’uso uniche attraverso il design implica considerare numerose variabili, a partire dall’utente finale senza dimenticare i concreti processi e le realtà aziendali.

Abbiamo approfondito il tema proprio lo scorso 5 giugno nel workshop interattivo tenuto presso la nostra sede di Thiene dove il peso della pratica si è dimostrato centrale. Perché ogni realtà ha caratteristiche, procedure e necessità che non possono prescindere proprio dalle singole specificità.

Ecco perché la relazione tra l’azienda e il designer è determinante. Instaurare una conoscenza diretta, chiara ed efficace può influenzare direttamente i processi e la stessa consulenza di service design.

service design

Già nel 2015, nel report “Design for Service Innovation & Development Final” redatto da Daniela Sangiorgi, Alison Prendiville, Jeyong Jung e Eun Yu, sono stati individuati tre diversi modelli di interazione:

  • parallela
  • collaborativa
  • integrata

Nella relazione parallela la consulenza del designer è tradizionale e apporta una serie di contributi definiti e circoscritti che vengono poi presi in carico dall’azienda all’interno della quale vengono sviluppati autonomamente, senza contatti né la partecipazione diretta del designer. Le attività svolte dall’azienda e le proposte per i processi di innovazione da parte del designer vengono portate avanti in parallelo. Inoltre l’azienda valuta in autonomia le idee dei designer senza che quest’ultimo abbia più alcun ruolo nelle fasi successive.

Si definisce collaborativa, invece, quando il designer guida il progetto sviluppandolo a stretto contatto con l’azienda, spesso condividendo spazi e processi affinché ogni fase preveda una sviluppo comune e condiviso. Ogni singola attività prevede condivisioni e approvazioni di entrambi, comprese le fasi successive di prototipazione e le prime realizzazioni pratiche delle soluzioni scelte.

Infine la relazione diventa integrata quando oltre a collaborare attivamente, azienda e designer, condividono singoli compiti e attività dell’intero iter. Il designer coordinata ma forma anche il personale dell’azienda affinché sia in grado di eseguire singole mansioni così come il designer acquisisce competenze più dirette su strumenti e soluzioni aziendali. Si tratta di una forma molto aperta, flessibile e collaborativa dove entrambi condividono e si scambiano esperienze all’interno dell’intero percorso.

Vuoi saperne di più?

Noi possiamo accompagnarti a scoprire il mondo del service design e aiutarti a progettare i servizi del domani! Contattaci  per maggiori informazioni e continua a seguirci su Linkedin per rimanere aggiornato su tutte le novità.

Photo Credit: Miriade Srl

Category:
  Miriade .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.