Blog

  • etica data science
    +
    Data Science, serve un’etica professionale
  • generatività imprese
    +
    Generatività, al centro dell’impresa del futuro
  • service design miriade
    +
    Service Design, teoria e pratica
  • miriade milano yoroom
    +
    Miriade a Milano | La nuova sede
  • gdpr applicazione miriade
    +
    25 maggio 2018: la privacy ai tempi del GDPR
  • fiducia responsabilità sociale impresa
    +
    Fiducia digitale e responsabilità: Miriade al Salone di Impresa 2018
  • marketing quantitativo
    +
    Miriade torna all’università per parlare di marketing quantitativo
  • soft skills cultura digitale
    +
    Soft skills a sostegno della cultura digitale
  • play 4 ciai miriade ciai
    +
    Saper fare, fare bene, fare insieme
  • play the data big data
    +
    Play The Data, l’impresa che verrà e i Big Data
  • open innovation
    +
    Open innovation, la rivoluzione ‘dal basso’
  • data ethics
    +
    Data Ethics: i Big Data dopo Cambridge Analytica

Open innovation, chi ci crede non l’abbandona più

By Camilla Mantella 6 mesi agoNo Comments

E’ stato recentemente presentato al Politecnico di Milano il risultato di un’indagine condotta su 250 aziende italiane dall’Osservatorio Startup Intelligence: una survey mirata a comprendere il grado di open innovation delle imprese e la loro attitudine ad adottare strategie di innovazione tecnologica aperta.

Quanto sono disposte ad investire in open innovation le aziende italiane?

Sul campione analizzato, le organizzazioni che hanno adottato l’open innovation – intesa tanto come l’apertura a nuovi contributi tecnologici quanto come la capacità di farsi portavoce di nuove tecniche innovative – sono il 28%. Una percentuale che a colpo d’occhio può apparire minoritaria, ma che in realtà è molto significativa, dal momento che tutte le aziende che si sono avviate su un percorso di open innovation non sono più tornate indietro.

open innovation

E se chi si affida all’innovazione aperta non si pente della scelta fatta, ben il 30% del campione dichiara di avere intenzione di abbracciare questo nuovo approccio all’evoluzione tecnologica. I motivi principali?

  • Il desiderio di scoprire trend tecnologici nuovi e aggiornati;
  • La necessità di ridurre i costi dei processi di digital transformation;
  • La riduzione dei rischi di investimento in innovazione;
  • La volontà di esplorare nuove opportunità di business.

L’open innovation, infatti, permette di sperimentare senza grossi investimenti iniziali, grazie a strumenti aperti e in continua evoluzione tecnologica. La forza delle community che ne animano lo sviluppo, poi, sta nello scambio continuo e costante tra appassionati che desiderano migliorare le loro creazioni giorno dopo giorno.

L’open innovation è perfetta per le realtà desiderose di sperimentare strumenti tecnologici avanzati senza grossi investimenti iniziali

Miriade sostiene da sempre l’open innovation e propone ad aziende e pubbliche amministrazioni le migliori tecnologie aperte, come ad esempio il database PostgreSQL e l’ecosistema Hadoop per il trattamento dei Big Data. Vuoi saperne di più? Contattaci!

Photo credits: Pixabay

Category:
  News .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.