Blog

  • cloud native application miriade
    +
    Cosa sono le cloud-native applications?
  • +
    Tableau, la sfera di cristallo di Salesforce
  • +
    Continuous Integration e Continuous Delivery: istruzioni per l’uso
  • +
    Google Cloud Summit Milano 2019: il racconto
  • +
    Cos’è DevOps?
  • cybersecurity social
    +
    Come scegliere il proprio sistema di cybersecurity
  • g suite miriade social
    +
    G Suite: tutto il bello della collaborazione
  • monitoraggio database performance miriade
    +
    Database: prendersene cura è un dovere
  • google cloud summit 2019 miriade
    +
    Google Cloud Summit 2019 | Milano, 25 giugno
  • advanced analytics miriade social
    +
    Advanced Analytics: chi ben comincia è a metà dell’opera
  • salesforce basecamp milano 2019 miriade social
    +
    Salesforce Basecamp, non dirmi che te lo sei perso!
  • +
    Sophos Cloud Optix: massima sicurezza per il cloud pubblico

Google Cloud Summit Milano 2019: il racconto

By Luca Zanetello 3 settimane faNo Comments

Sono stati oltre 2.500 i partecipanti accorsi martedì 25 giugno al MICO in occasione del Google Cloud Summit Milano 2019 e noi di Miriade, Premier Partner Google, non potevamo perderci questa occasione per scoprire tutte le novità di Google Cloud.

Il Google Cloud Summit italiano è stata l’occasione di vedere da vicino molte delle novità presentate all’evento Google Next di San Francisco dello scorso marzo, ribandendo la sempre maggiore attenzione ai clienti enterprise da parte dell’azienda si Mountain View.

Una direzione, confermata anche Fabio Fregi, Country Manager di Google Cloud in Italia, che spiega: “Per molto tempo siamo stati così pochi che la ‘storia’ di Google Cloud non si riusciva a raccontarla ai clienti, mentre nell’enterprise il presidio è un fattore fondamentale“. Da qui la volontà di investire per una maggiore presenza diretta presso le grandi aziende.

google cloud summit milano

Google Cloud Summit 2019: le tecnologie

L’anima del Google Cloud Summit è stata la tecnologia con la conferma dei pilastri fondamentali su cui si basa tutta la strategia di Google: modernizzazione infrastrutturale, strumenti per creare applicazioni cloud-native, data management, analytics collegate alla intelligenza artificiale, collaboration.

Inoltre è stata ribadita la parola chiave multicloud. L’approccio multicloud e ibrido, inteso come possibilità di gestire i workload ovunque, che rappresenta oggi la principale richiesta delle aziende.

Tutto ciò comporta vantaggi di elasticità del cloud senza imporre complessità di gestione degli ambienti ibridi. A questo serve in particolare Google Anthos, che estende la containerizzazione ad ambienti on-premise e in cloud, potendo trasferire carichi di lavoro tra loro e tra cloud diversi. Con anche funzioni di ottimizzazione (quasi) automatica per le applicazioni cloud-native a microservizi, grazie a Cloud Service Mesh.

Semplicità e democratizzazione

Questa semplicità non è rivolta solo agli sviluppatori, infatti, con l’approccio di Anthos uno sviluppatore crea “una tantum” codice che viene poi eseguito ovunque, ma c’è di più. Chi si occupa di operations deve gestire una sola volta le configurazioni dei sistemi. E l’azienda ha più potere di negoziazione nei confronti dei cloud provider, data la facilità che ha nello spostare workload.

L’idea della “democratizzazione” delle tecnologie tocca anche altri elementi recenti di Google Cloud. Ad esempio il serverless grazie a Cloud Run, per gestire container via http request sfruttando i progetti Istio e Knative. O lo sviluppo cloud-nativo, tramite Cloud Code: plugin che lo sviluppatore integra in tool come Visual Studio Code. E il campo degli analytics e del machine learning, con i potenziamenti di BigQuery e le novità dei servizi AutoML.

Spazio a case history e testimonianze dei clienti

Durante la giornata, ci sono state ben 40 sessioni parallele, con la partecipazione di quasi 30 clienti, articolate intorno a quattro temi principali: modernizzazione delle infrastrutture, sicurezza, sviluppo applicazioni e gestione dati intelligenza artificiale. Tra le maggiori tendenze evidenziate: l’esigenza di soluzioni multi- cloud che siano flessibili per operare nel cloud con fornitori differenti (Anthos); soluzioni di intelligenza artificiale semplici e a portata di ogni impresa (Cloud AutoML) e lo sviluppo di soluzioni specifiche per i diversi settori industriali, come per esempio la vendita al dettaglio (Google Cloud for Retail).

Le sessioni parallele hanno permesso di vedere come utilizzando le tecnologie e i servizi messi in campo da Google, aziende di settori diversi, dal finance al tech, dalla Pubblica Amministrazione al retail, siano riuscite a realizzare progetti di grande valore, semplificando sia i processi interni, sia il rapporto con il mercato e i propri clienti.

Scopri di più

Miriade è Premier Partner Google e da oltre 10 anni affianca aziende ed organizzazioni nel percorso di digital transformation per aiutarle a lavorare e collaborare in modo completamente nuovo e a ottenere il massimo dai loro dati.

Scopri tutti i nostri servizi, visitando la pagina dedicata.

Category:
  Eventi
this post was shared 0 times
 200

Leave a Reply

Your email address will not be published.