Blog

  • chatbot
    +
    È tempo di chatbot
  • service design
    +
    Service Design: la relazione tra azienda e designer è fondamentale
  • Data science Learnhaton KNIME 3
    +
    Data Science Learnathon a Milano: il racconto dell’appuntamento con KNIME
  • etica data science
    +
    Data Science, serve un’etica professionale
  • generatività imprese
    +
    Generatività, al centro dell’impresa del futuro
  • service design miriade
    +
    Service Design, teoria e pratica
  • miriade milano yoroom
    +
    Miriade a Milano | La nuova sede
  • gdpr applicazione miriade
    +
    25 maggio 2018: la privacy ai tempi del GDPR
  • fiducia responsabilità sociale impresa
    +
    Fiducia digitale e responsabilità: Miriade al Salone di Impresa 2018
  • marketing quantitativo
    +
    Miriade torna all’università per parlare di marketing quantitativo
  • soft skills cultura digitale
    +
    Soft skills a sostegno della cultura digitale
  • play 4 ciai miriade ciai
    +
    Saper fare, fare bene, fare insieme

Decision making: i dati sostituiranno i manager?

By Camilla Mantella 12 mesi agoNo Comments

La tentazione è forte. I Big Data e gli strumenti per il loro trattamento e la loro visualizzazione consentono di ottenere analisi avanzate e previsioni sui fenomeni mai sperimentate prima. Insights accurati, che ad un primo esame possono apparire come la soluzione a qualunque problema di business.

Basta acquistare una tecnologia potente, affidarsi ad un team di data scientists, raccogliere i dati e processarli con uno delle migliaia di algoritmi – sempre più numerosi, sempre più versatili – per poter avere a disposizione le risposte a qualunque interrogativo.

I Big Data sono un alleato formidabile nel processo di decision making. Ma l’intelligenza artificiale, con il tempo, sostituirà i manager?

decision making

Da esperti di Big Data e da appassionati entusiasti dell’evoluzione dell’IT, abbiamo piena fiducia nelle potenzialità di questi strumenti. Ma siamo anche consapevoli che l’intelligenza umana, l’intuito, l’esperienza, non potranno mai essere soppiantati dall’intelligenza artificiale. Anzi, maggiore è il ricorso alle analisi dei dati legate al machine learning, maggiori sono le competenze richieste agli specialisti del management. Chiamati a considerare i dati – che forniscono indicazioni precise che non possono essere ignorate – ma al tempo stesso a contestualizzarli sulla base della propria esperienza tutta umana, fatta essenzialmente di relazioni e comunicazioni non sempre quantificabili.

L’intelligenza artificiale deve essere un sostegno al lavoro del manager, non una sua alternativa. L’AI non può sostituire il patrimonio di esperienze e relazioni umane.

La vera forza, ciò che ci permetterà di costruire un futuro migliore del presente, risiede in quello che dovrà essere un dialogo costante tra dato e creatività, analisi e intuito. Solo studiando attentamente le informazioni analizzate ed integrandole con il sentire proprio dell’essere umano si darà vita a previsioni e progetti destinati a fare la differenza.

Miriade propone un approccio ai Big Data che pone al centro le persone, l’aggiornamento delle competenze e gli interventi su misura delle effettive esigenze di business. Visita la nostra pagina dedicata per scoprire di più e contattaci per maggiori informazioni.

Photo credits: Unsplash

Category:
  Miriade .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.