Blog

  • +
    Miriade annuncia una partnership strategica con Denodo per espandere e supportare la data virtualization in Italia
  • +
    L’importanza di ottimizzare i database
  • +
    Webinar | Accelerare la migrazione al cloud e la modernizzazione dell’architettura con la virtualizzazione dei dati | Giovedì 2 luglio ore 10.00
  • +
    Business agility: il cambiamento come costante
  • +
    Google Colab: il tool gratuito di Google a servizio dei data scientist
  • +
    Webinar | Domina il cambiamento con AWS: Agile on cloud | Giovedì 25 giugno ore 10.00
  • +
    Atlassian: la suite preferita dai team felici (tutti quanti)
  • +
    Rating della legalità: il punteggio di Miriade
  • +
    Webinar: Domina il cambiamento con KNIME | giovedì 11 giugno
  • +
    QuiPass: la web app salta coda che gestisce gli ingressi
  • +
    Lavoro da remoto: lo stato dell’arte
  • +
    Le analitiche avanzate per ripartire con slancio

Una BI sempre più smart: linguaggio naturale e assistenti vocali

By Luca Zanetello 1 anno fa

Il mondo della Business Intelligence si sta evolvendo con crescente rapidità per consentire agli addetti ai lavori e agli altri utenti di accedere ai dati con maggiore facilità e rendere la loro lettura sempre più semplice.

Proprio in questa direzione va l’ultima acquisizione fatta da Qlik.
La società statunitense, leader nel mondo della Business Intelligence, ha infatti annunciato di aver acquisito Crunch Data, una startup specializzata in soluzioni di intelligenza che ha sviluppato Crunchbot, mettendo così a disposizione dei propri utenti uno strumento che permette di interrogare più velocemente i dati aziendali utilizzando frasi di senso compiuto.

Attraverso tale bot, che funziona esclusivamente con Qlik, è possibile porre domande dal tono colloquiale attraverso l’interfaccia utente di Qlik Sense o con strumenti di collaborazione come Slack, Skype, Salesforce Chat e Microsoft Team; inoltre, permette anche di esplorare e fare domande sui dati attraverso l’interazione vocale grazie a servizi come Amazon Alexa e di ricevere risposte e intuizioni grazie a grafici, interpretazioni, driver chiave, calcoli periodici e previsioni.

L’integrazione di CrunchBot e Crunch Data aiuterà gli utenti a inserire più facilmente e regolarmente i dati all’interno dei flussi di lavoro, rendendo l’analisi un elemento essenziale nella collaborazione quotidiana e nel processo decisionale. Qlik è alla continua ricerca di nuovi modi per offrire agli utenti l’intelligenza aumentata e migliorare l’alfabetizzazione dei dati. Queste acquisizioni aiutano a espandere la capacità dei nostri clienti e partner di sfruttare dati e intuizioni, aumentando il valore sia dei dati che dell’organizzazione”.

Mike Capone, CEO Qlik

A differenza dei prodotti di ricerca stand-alone, spiega la nota di Qlik, questo approccio offre il meglio di entrambi i mondi: consente agli utenti di iniziare una conversazione e poi passare all’esplorazione visiva per una comprensione e una scoperta più approfondite. I clienti e i partner di Qlik vedranno aumentare l’utilizzo delle analytics e l’alfabetizzazione dei dati con un modo più rapido e semplice di porre domande, generare intuizioni e prendere decisioni basate sui dati con CrunchBot.

Crunchbot è immediatamente disponibile per i clienti e sarà concesso in licenza durante il secondo trimestre dell’anno come soluzione a valore aggiunto alla piattaforma Qlik Sense. Qlik Insight Bot (questo il nuovo nome del prodotto) sarà disponibile insieme all’attuale funzionalità Insight Advisor e verrà ulteriormente integrato con il motore cognitivo proprietario del vendor.

Ti aspettiamo il prossimo mercoledì 13 febbraio a Padova per conoscere come le analitiche avanzate stanno contribuendo a modificare sensibilmente il panorama della Business Intelligence: tutti i dettagli nella pagina dedicata all’evento.

Video Credit: Qlik

Category:
  News
this post was shared 0 times
 100