Blog

  • artificial intelligence
    +
    Intelligenza artificiale: i trend del 2019
  • Conferenza stampa regione veneto cloud Google
    +
    La Regione Veneto vola sul cloud Google
  • digital transformation
    +
    Digital Transformation: utili consigli per un processo di successo
  • +
    KNIME: rilasciate KNIME Analytics Platform 3.7 e KNIME Server 4.8
  • chatbot 2020 miriade
    +
    Chatbot: entro il 2020 l’80% delle aziende li userà, ma senza dimenticare il fattore umano
  • +
    Corporate Social Responsibility al centro della strategia aziendale
  • corso knime analytics platform
    +
    Course for KNIME Analytics Platform: il racconto della due giorni di formazione a Milano
  • +
    Digital transformation al centro dell’innovazione delle imprese
  • +
    I Chatbot per il Customer Service: tutti i vantaggi
  • condivisione formazione miriade
    +
    Lavorare in Miriade: formazione e condivisione al centro
  • +
    Amazon Web Services: nuova AWS Region in Italia dal 2020
  • +
    Discover Salesforce a Padova: il racconto dell’evento

Amazon Web Services: nuova AWS Region in Italia dal 2020

By Luca Zanetello 1 mese faNo Comments

Ad inizio 2020 aprirà una nuova regione infrastrutturale in Italia, precisamente a Milano, di Amazon Web Services: ad annunciarlo la stessa società tramite un comunicato pubblicato oggi, martedì 13 novembre.

La regione, AWS Europe (Milano), comprenderà tre zone di disponibilità e sarà la sesta regione di AWS in Europa, che entrerà a far parte delle regioni esistenti in Francia, Germania, Irlanda, Regno Unito e Svezia (in arrivo alla fine del 2018). Attualmente, AWS fornisce 57 zone di disponibilità in 19 regioni geografiche a livello globale, con altre 12 zone di disponibilità in quattro regioni in arrivo tra la fine del 2018 e la prima metà del 2020 in Bahrain, Hong Kong SAR, Sud Africa e Svezia.

Per migliaia di anni, gli italiani sono stati gli architetti di alcune delle più innovative e rivoluzionarie imprese tecniche e artistiche. Siamo rimasti stupiti di quello che le aziende italiane hanno realizzato fino ad oggi utilizzando AWS, ma crediamo che una regione AWS in Italia renda ancora più facile per le aziende e le organizzazioni governative italiane reinventare ed evolvere le esperienze dei clienti e dei cittadini per molti decenni a venire.

Andy Jassy, CEO Amazon Web Services

L’aggiunta di AWS Europe (Milan) Region consentirà alle organizzazioni di fornire una latenza inferiore agli utenti finali in Italia. I clienti AWS locali con requisiti di residenza dei dati saranno in grado di archiviare i loro contenuti nel paese, con la certezza che mantengono il controllo completo sulla posizione dei loro dati, mentre i clienti che creano applicazioni conformi al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) avranno accesso ad un’altra regione dell’infrastruttura AWS protetta nell’Unione europea (UE) che soddisfa i massimi livelli di sicurezza, conformità e protezione dei dati. Inoltre, le organizzazioni italiane dalle startup alle imprese fino al settore pubblico, avranno infrastrutture nel loro paese per sfruttare tecnologie avanzate come analisi, intelligenza artificiale, database, Internet of Things (IoT), machine learning, servizi mobili, serverless e altro ancora da guidare innovazione.

Milioni di clienti attivi utilizzano AWS ogni mese in oltre 190 paesi in tutto il mondo, tra cui centinaia di migliaia di clienti in Europa e molti in Italia. Le organizzazioni che trasferiscono i loro carichi di lavoro mission-critical a AWS per ridurre i costi, accelerare l’innovazione e accelerare il time-to-market, includono clienti aziendali italiani come Decysion, Docebo, Eataly, Edizioni Conde Nast, ENEL, Ferrero, GEDI Gruppo Editoriale, Imperia & Monferrina, Lamborghini, Mediaset, Navionics, Pirelli, Pixartprinting, SEAT Pagine Gialle, Tagetik Software e Vodafone Italia. Le nuove startup come Beintoo, Brumbrum, DoveConviene, Ennova, FattureinCloud, Musement, Musixmatch, Prima Assicurazioni, Satispay, SixthContinent, Spreaker e Wyscout hanno costruito le loro attività su AWS, riuscendo a scalare rapidamente e ad espandere la loro copertura geografica in pochi minuti. Nel settore pubblico italiano, le organizzazioni che utilizzano AWS per trasformare i servizi che forniscono ai cittadini del paese includono A2A Smart City, Città di Cagliari, Corte dei Conti, Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi, Madisoft, Istituto Nazionale di Astrofisica, Istituto Nazionale di Genetica Molecolare, Università Pegaso Online, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Regione Autonoma Sardegna, UniNettuno, Università degli Studi di Cagliari.

ENEL, uno dei principali fornitori di servizi di pubblica utilità nel mondo, utilizza la tecnologia cloud AWS per supportare un programma di trasformazione digitale completo all’interno della propria organizzazione e per fornire un servizio migliore ai propri clienti energetici in tutto il mondo. Carlo Bozzoli, Global Information Officer di ENEL, ha detto della nuova regione AWS Europe (Milano), “Diamo il benvenuto alle notizie di una Regione AWS che arriva in Italia. Nel 2015, abbiamo intrapreso un viaggio di trasformazione digitale per rivedere completamente il modo in cui operiamo come organizzazione. Una volta che abbiamo selezionato AWS come nostro fornitore di servizi cloud, abbiamo migrato i carichi di lavoro da oltre 10.000 server on-premises in AWS e alla fine di quest’anno saremo al 100% nel cloud. Il passaggio a AWS ha ridotto i tempi di provisioning delle risorse da settimane a giorni, il che ci ha permesso di accelerare l’innovazione, riducendo in modo significativo i costi “.

Un’altra delle aziende leader in Italia che utilizza AWS per supportare l’innovazione è Pirelli, uno dei maggiori produttori di pneumatici al mondo. Pirelli sfrutta AWS per aumentare la sicurezza dei conducenti e l’efficienza delle auto costruendo applicazioni come Cyber ​​Car e Cyber ​​Fleet, che raccolgono i dati dai sensori integrati nei pneumatici e li presentano sui dispositivi mobili dei conducenti. Questo è stato progettato per migliorare la manutenzione e le prestazioni della vettura, nonché per ridurre i tempi di fermo macchina e le emissioni di CO2. “AWS è una componente fondamentale della nostra strategia di innovazione, quindi avere una regione in Italia non farà che accelerare la nostra innovazione e trasformare il nostro business”, ha affermato Daniele Benedetti, Responsabile delle architetture e dell’innovazione ICT. “La pletora di servizi disponibili su AWS ci consente di creare applicazioni altamente affidabili, scalabili e sicure, come Cyber ​​Car e Cyber ​​Fleet, disponibili in tutto il mondo, in tempi record. Per accelerare ulteriormente la nostra innovazione, abbiamo inserito le tecnologie AWS Serverless, come AWS Lambda, Amazon Aurora e Amazon DynamoDB, nonché le best practice DevOps al centro dei nostri processi di sviluppo, migliorando notevolmente il time to market per le nuove funzionalità per i clienti. Ora possiamo configurare gli ambienti di runtime in pochi giorni invece di settimane e possiamo distribuire nuovi micro-servizi e funzionalità in poche decine di minuti, invece di diversi giorni. Questa agilità è fondamentale per soddisfare al meglio le aspettative dei nostri clienti e solo AWS è stata in grado di fornirci questo livello di scalabilità e flessibilità. “

GEDI Gruppo Editoriale pubblica alcuni dei maggiori quotidiani di diffusione in Italia, tra cui La Repubblica e La Stampa. “Per milioni di italiani, siamo la loro fonte attendibile di notizie, quindi sapere che presto avremo un’infrastruttura AWS affidabile in Italia è per noi inestimabile”, ha dichiarato Luigi Lobello, CTO del Gruppo Editoriale. “L’uso di AWS ci ha permesso di aumentare e diminuire ogni volta che i nostri cicli di notizie lo richiedono, il che significa che possiamo fornire le notizie ai nostri lettori quando ne hanno più bisogno. Un buon esempio si è avuto attorno alle elezioni generali italiane del 4 marzo 2018, dove abbiamo visto il più alto picco di traffico di sempre per Repubblica.it. In quel giorno abbiamo avuto oltre 80 milioni di visualizzazioni di pagina e 18,8 milioni di visite. Invece di spendere tutte le nostre risorse per assicurarsi che il sito fosse disponibile, abbiamo fornito ai nostri lettori una copertura speciale per le elezioni con dati in tempo reale sui risultati delle elezioni. Per farcela in loco avremmo avuto bisogno di centinaia di server in un datacenter delle dimensioni del campo da calcio di San Siro, che sarebbe rimasto inattivo fino al picco successivo. Invece, siamo riusciti a farlo con solo 190 istanze Amazon EC2. “

I clienti del settore pubblico in tutta Italia che affidano ad AWS carichi di lavoro mission-critical includono il Comune di Cagliari, il centro amministrativo della Sardegna, che ha utilizzato AWS per sostenere le elezioni comunali nel 2017. Piero Orofino, Responsabile Tecnologia e Innovazione per la Città di Cagliari ha detto di notizie “AWS è sempre stato un partner fidato per la città di Cagliari, quindi accogliamo con favore le notizie che porteranno una regione infrastrutturale in Italia. L’utilizzo del cloud AWS ci ha permesso di supportare in modo affidabile e sicuro i nostri elettori nelle loro funzioni di voto democratico. Prima delle elezioni del 2017, abbiamo sperimentato delle sfide a supporto del traffico web dopo la chiusura dei seggi elettorali, poiché il sito Web che monitorava i risultati elettronici non era in grado di far fronte alla domanda. Lavorando con AWS, abbiamo sviluppato una soluzione basata su AWS Lambda e l’abbiamo implementata da zero entro 20 giorni dalle elezioni, supportando oltre 7 milioni di richieste, più di 200 al secondo, il tutto per un costo totale di 125 €. Per realizzare questo progetto, in questo breve periodo, a questo basso costo sarebbe stato impossibile se lo avessimo fatto da soli.

Anche gli istituti accademici e di ricerca italiani stanno utilizzando AWS per ridurre i costi operativi e accelerare la ricerca scientifica. L’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) conduce ricerche in astronomia e astrofisica, spaziando dallo studio di pianeti e corpi minori del Sistema Solare, alla struttura su larga scala dell’universo, e utilizza AWS per il suo High Performance Computing (HPC) ha bisogno di cercare forme di vita complesse al di fuori della Terra. “Sapere che presto avremo una Regione AWS in Italia è una grande opportunità per la comunità scientifica italiana”, ha affermato il dott. Filippo Maria Zerbi, direttore scientifico dell’INAF. “I nostri ricercatori si sono rivolti ad AWS per un grande progetto per rilevare la presenza di vita complessa al di fuori della Terra e per completare un censimento di pianeti simili alla Terra che potrebbero sostenere la vita. Questo progetto richiede una grande quantità di potenza computazionale, che richiede milioni di GPU per ore di analisi e la possibilità di archiviare centinaia di terabyte di dati raccolti dall’ESO Extremely Large Telescope (E-ELT). L’esecuzione on-premises di questo tipo di carico di lavoro sarebbe proibitiva, soprattutto perché non richiediamo questo potere di calcolo ogni giorno. Grazie a AWS i nostri ricercatori sono stati in grado di eseguire questa ricerca con costi minimi e sono stati in grado di fornire le risorse in cinque minuti, rispetto a diverse settimane prima, aiutandoci nella nostra ricerca di rispondere alla domanda “Siamo soli nell’universo?” ”

Le startup che utilizzano AWS per scalare rapidamente includono Musixmatch, un’azienda con sede a Bologna che è rapidamente diventata il più grande catalogo di testi al mondo, con oltre 50 milioni di utenti e che serve l’80% del mercato mondiale dello streaming musicale. Musixmatch è all-in su AWS e sfrutta l’impronta globale di AWS per servire gli utenti di tutto il mondo. “Attendo con impazienza l’ondata di innovazione e imprenditorialità che la nuova regione AWS scatenerà in tutta Italia”, ha affermato Max Ciociola, CEO e cofondatore di Musixmatch. “Quando fondammo Musixmatch nel 2010, sapevamo che dovevamo lavorare con una tecnologia che ci consentisse di scalare rapidamente e, cosa più importante, ci avrebbe consentito di innovare costantemente. AWS è stata la scelta più ovvia e oggi, grazie alla vasta offerta di servizi, stiamo sfruttando tecnologie che prima potevamo solo sognare, come Amazon SageMaker per Machine Learning. In soli tre giorni, abbiamo iniziato a utilizzare Amazon SageMaker per addestrare modelli per analizzare il linguaggio delle canzoni e identificare l’umore e l’emozione dei testi, come felicità, tristezza, eccitazione o altri. Questo ci ha permesso di costruire la nostra piattaforma Music AI e rivoluzionare il modo in cui i nostri utenti trovano nuova musica basata sulle emozioni e l’umore dei testi delle canzoni, invece di suggerimenti tradizionali basati su generi audio semplici “.

Le startup italiane nel settore dei servizi finanziari regolamentati stanno inoltre utilizzando AWS per aumentare l’agilità e soddisfare i requisiti di conformità man mano che aumentano le loro attività. Dal lancio nel 2015, Satispay, ha sconvolto il panorama dei pagamenti mobili, consentendo agli utenti di inviare denaro in modo sicuro o pagare utilizzando un’app per smartphone. Il servizio si basa sui numeri di conto bancario internazionale (IBAN) e rimuove tutti gli intermediari normalmente coinvolti durante un processo di pagamento, come le banche e le reti di carte di credito o debito, e collega invece direttamente i conti bancari dei consumatori e dei commercianti. Satispay è all-in su AWS e beneficia delle certificazioni e certificazioni di conformità di AWS, molte delle quali sono richieste per operare nel settore dei servizi finanziari. “Una regione AWS in Italia è una grande notizia in quanto apre infinite opportunità per le organizzazioni di servizi finanziari regolamentati nel paese”, ha dichiarato Alberto Dalmasso, CEO e co-fondatore di Satispay. “Quando ci siamo resi conto che potevamo utilizzare AWS ed essere ancora conformi ai requisiti normativi, siamo passati immediatamente dal data center precedente al cloud per consentire processi di sviluppo più rapidi e affidarci a un’infrastruttura scalabile in grado di sostenere la nostra espansione internazionale. Adottando DevOps e le continue best practice di sviluppo, siamo passati da una distribuzione alla settimana a 16 implementazioni al giorno, dandoci la libertà e la flessibilità di sviluppare nuove funzionalità per i nostri clienti e innovare per loro conto. La natura globale del cloud AWS ci consente inoltre di rispettare la legislazione in qualsiasi paese operiamo, come ad esempio i requisiti della Financial Conduct Authority nel Regno Unito. Questa capacità di crescere e iterare nel rispetto dei requisiti di conformità locali rappresenta per noi un vantaggio fondamentale. “

Scopri di più

Miriade è stata tra i primi partner in Italia di Amazon Web Services e da diversi anni aiuta le aziende a salire sulla nuvola del Cloud per sfruttare tutti i vantaggi di questa tecnologia.

Per tutte le informazioni su Amazon Web Services visita la pagina dedicata e scopri il nostro servizio gestito Mir AWS.

Photo Credit: Nils Juenemann

Category:
  News
this post was shared 0 times
 100

Leave a Reply

Your email address will not be published.