Blog

  • data governance
    +
    Data governance, quando a contare sono controllo, accuratezza e integrità
  • as one analytics
    +
    As One e il caso DWS protagonisti al Visualize Your World
  • google cloud summit
    +
    Google Cloud Summit H-FARM: il racconto
  • business case
    +
    Non ci sono case histories: quando l’innovazione è frenata dalla mancanza di referenze
  • big data algoritmi
    +
    Big Data, è ora di ripensare al potere degli algoritmi
  • google drive file stream
    +
    Novità Google: Google Drive File Stream
  • cena aziendale
    +
    Buon rientro!
  • novità informatica
    +
    Benvenuto Settembre! E’ tempo di novità informatiche
  • spazio-di-co-working
    +
    Co-working: come si sta trasformando l’ufficio condiviso
  • chatbot
    +
    Chatbot, la nuova frontiera dell’intelligenza artificiale
  • consigli di viaggio IT
    +
    5 viaggi per gli IT addicted
  • lavoro informatica veneto
    +
    Lavorare nell’informatica: una crescita quotidiana

Pericolo ransomware: Italia fanalino di coda in attesa del GDPR

By Camilla Mantella 1 settimana agoNo Comments

I dati non mentono: l’Italia, per molti aspetti ancora arretrata dal punto di vista della digitalizzazione del tessuto produttivo, è il settimo Paese al mondo più colpito dai ramsonware, tra le minacce informatiche più pericolose, capace di mettere a serio repentaglio i dati di imprese e organizzazioni.

A rivelarlo il rapporto “The cost of compose” rilanciato recentemente da Il Sole 24 Ore: il nostro Paese è tra i primi per vittime di truffe e ricatti on line – il secondo in Europa dopo la Turchia. Un triste primato, misurato sulla base degli attacchi denunciati nel periodo da gennaio 2016 a giungo 2017.

pericolo ramsonware gdpr

Una mappa della distribuzione degli attacchi: gli USA sono il territorio più colpito, seguiti a ruota dall’Europa, che presenta un picco importante nell’area occidentale. Mentre negli altri Paesi la percentuale di attacchi è direttamente proporzionale al tasso di digitalizzazione, l’Italia risulta essere quasi un unicum nel suo essere meno digitalizzata eppure più colpita.

La situazione si farà più problematica, per le aziende, dal prossimo maggio 2018: le imprese italiane, già nel mirino degli hacker, dovranno affrontare pesanti sanzioni se risulteranno non conformi alla normativa prevista dalla General Data Protection Regulation (GDPR), che prevede multe e provvedimenti contro tutte quelle realtà che si saranno rese responsabili di smarrimento o perdita di dati per negligenze tecnologiche e/o procedurali.

La soluzione? Dotarsi di strumenti efficaci a protezione della sicurezza informatica aziendale (come quelle proposte da Sophos o Ipswitch) e ridisegnare i processi di gestione del dato alla luce di quanto previsto dal nuovo regolamento.

Per proteggere al meglio la tua impresa e assicurarti di essere totalmente in linea con la nuova normativa, puoi richiedere gratuitamente una consulenza legale messa a disposizione da Miriade. Scopri di più.

Photo credit: Il Sole 24 Ore

Category:
  News .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.