Blog

  • iot google cloud platform
    +
    IoT e Machine Learning su Google Cloud Platform
  • strategia aziendale
    +
    Definire la strategia aziendale: il contributo della data strategy
  • analisi predittive
    +
    Flessibilità, real time e analisi predittive. La data strategy che punta all’attacco.
  • data governance
    +
    Data governance, quando a contare sono controllo, accuratezza e integrità
  • as one analytics
    +
    As One e il caso DWS protagonisti al Visualize Your World
  • google cloud summit
    +
    Google Cloud Summit H-FARM: il racconto
  • business case
    +
    Non ci sono case histories: quando l’innovazione è frenata dalla mancanza di referenze
  • big data algoritmi
    +
    Big Data, è ora di ripensare al potere degli algoritmi
  • google drive file stream
    +
    Novità Google: Google Drive File Stream
  • cena aziendale
    +
    Buon rientro!
  • novità informatica
    +
    Benvenuto Settembre! E’ tempo di novità informatiche
  • spazio-di-co-working
    +
    Co-working: come si sta trasformando l’ufficio condiviso

Middleware, al centro del cambiamento

By Camilla Mantella 6 mesi agoNo Comments

In Miriade ci occupiamo prevalentemente di middleware. Una specializzazione poco comune sul mercato, ma che ci permette di dedicarci a ciò che dell’informatica ci piace di più: la connessione e la comunicazione tra strumenti e processi.

Nè hardware, né software, il middleware è uno strato intermedio.
Meno noto, probabilmente, ma fondamentale per garantire il corretto funzionamento di applicazioni e sistemi.

Nel mondo dell’IT – che ormai ha una sua storia – il middleware compare tardi, attorno agli anni ’80: serviva, di fatto, rendere possibile la connessione tra nuove applicazioni e vecchi sistemi e c’era bisogno di strumenti che fossero in grado di far comunicare vecchio e nuovo sostenendo un’innovazione sostanziale ma graduale. Potremmo affermare che il middleware ha reso possibili i grandi cambiamenti portati dalla digitalizzazione e che ad oggi continua ad essere il centro delle trasformazioni, grazie alla sua natura di livello cardine per la costruzione di sistemi distribuiti e architetture multitier.

middleware

L’essere al centro, rende il middleware un livello critico: una sua amministrazione poco attenta compromette il funzionamento ordinario delle infrastrutture, mettendo a rischio la produzione di beni o l’erogazione di servizi. Un database bloccato – ad esempio – può fermare le linee produttive o ostacolare il corretto funzionamento delle applicazioni ospedaliere.

Quando parliamo di cloud, big data, IoT o analisi predittive, parliamo di universi integrati che poggiano su middleware ad elevate prestazioni. Senza questo invisibile “motore di connessione” le potenzialità della digital transformation rimarrebbero inespresse.

Il middleware non si vede: non ha la fisicità dell’hardware, né la tipica visualizzazione dei software. E’ uno strato per addetti ai lavori appassionati, che, senza “disturbare” l’utente finale, operano per assicurare la continuità del lavoro, amministrando dati, integrando informazioni, progettando sistemi. 

Chi si occupa di middleware è, a suo modo, un comunicatore pronto a rendere possibile scambi e connessioni. Continua a seguirci su Facebook e LinkedIn per scoprire quanto il middleware, in tutte le sue forme, contribuisce alla rivoluzione digitale.

Photo credits: Pixabay

Category:
  Miriade .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.