Blog

  • data governance
    +
    Data governance, quando a contare sono controllo, accuratezza e integrità
  • as one analytics
    +
    As One e il caso DWS protagonisti al Visualize Your World
  • google cloud summit
    +
    Google Cloud Summit H-FARM: il racconto
  • business case
    +
    Non ci sono case histories: quando l’innovazione è frenata dalla mancanza di referenze
  • big data algoritmi
    +
    Big Data, è ora di ripensare al potere degli algoritmi
  • google drive file stream
    +
    Novità Google: Google Drive File Stream
  • cena aziendale
    +
    Buon rientro!
  • novità informatica
    +
    Benvenuto Settembre! E’ tempo di novità informatiche
  • spazio-di-co-working
    +
    Co-working: come si sta trasformando l’ufficio condiviso
  • chatbot
    +
    Chatbot, la nuova frontiera dell’intelligenza artificiale
  • consigli di viaggio IT
    +
    5 viaggi per gli IT addicted
  • lavoro informatica veneto
    +
    Lavorare nell’informatica: una crescita quotidiana

Machine learning per la sanità: investimenti in aumento

By Camilla Mantella 4 mesi agoNo Comments

Il settore sanitario sta iniziando a muoversi verso il machine learning. Se gli investimenti in sanità sono ormai attestati su 1,2 miliardi di euro, gli addetti ai lavori spingono perché una percentuale sia dedicata alle analisi avanzate dei dati.

Il settore sanitario genera quotidianamente una mole impressionante di dati. Per citare qualche tipologia:

  • Dati relativi alla logistica e alla gestione delle strutture e del personale;
  • Dati relativi ai pazienti, ai tempi di ricovero, alle visite effettuate, allo stato di salute;
  • Dati per immagini relativi agli output di ecografie e visite che implicano l’utilizzo di apparecchiature avanzate;
  • Dati provenienti da forum e social network relativi alle discussioni mediche e alle opinioni in merito a strutture specifiche.
Queste informazioni, perlopiù non strutturate, rappresentano un patrimonio inestimabile di possibilità di conoscenza di fenomeni tanto sul piano individuale quanto sul piano collettivo. E l’introduzione di strumenti come il Fascicolo Sanitario Elettronico o il Codice Unico Paziente non fanno che aumentare queste possibilità.

machine learning

Stiamo parlando di informazioni spesso inesplorate, che, proprio grazie al machine learning, possono diventare la preziosa base per la comprensione di correlazioni, legami, fenomeni e tendenze che non si sono ancora presi in considerazione.

Trattando questi dati attraverso le tecnologie legate ai Big Data – costruendo infrastrutture dedicate su cui compiere analisi anche molto complesse in pochi secondi grazie ad algoritmi sempre più perfetti e potenti – è possibile ottenere un valore significativo, che può essere davvero utile, oltre che per meglio amministrare i nostri ospedali e le nostre cliniche, per prevedere l’eventuale incidenza di determinate patologie così da attrezzarsi in anticipo.

Una volta lanciato, un progetto Big Data può portare ben oltre i risultati sperati: il machine learning riesce a restituire analisi accurate, puntuali e estremamente avanzate capaci di rivoluzionare la nostra conoscenza dei fenomeni.

La difficoltà iniziale sta nel comprendere cosa davvero possono fare i Big Data per la sanità, quali sono le tecnologie in gioco, quali i reali investimenti richiesti e, soprattutto, quali domande porre ai dati per avere output in real time che facciano la differenza.

E’ per questo motivo che Miriade ha messo a punto un workshop di avvicinamento al mondo Big Data rivolto agli specialisti dell’IT e alle prime linee coinvolte nell’analisi dei dati. Clicca qui per scaricare il programma o contattaci per maggiori informazioni.

Photo credits: Pixabay

Category:
  News .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.