Blog

  • iot google cloud platform
    +
    IoT e Machine Learning su Google Cloud Platform
  • strategia aziendale
    +
    Definire la strategia aziendale: il contributo della data strategy
  • analisi predittive
    +
    Flessibilità, real time e analisi predittive. La data strategy che punta all’attacco.
  • data governance
    +
    Data governance, quando a contare sono controllo, accuratezza e integrità
  • as one analytics
    +
    As One e il caso DWS protagonisti al Visualize Your World
  • google cloud summit
    +
    Google Cloud Summit H-FARM: il racconto
  • business case
    +
    Non ci sono case histories: quando l’innovazione è frenata dalla mancanza di referenze
  • big data algoritmi
    +
    Big Data, è ora di ripensare al potere degli algoritmi
  • google drive file stream
    +
    Novità Google: Google Drive File Stream
  • cena aziendale
    +
    Buon rientro!
  • novità informatica
    +
    Benvenuto Settembre! E’ tempo di novità informatiche
  • spazio-di-co-working
    +
    Co-working: come si sta trasformando l’ufficio condiviso

Lavagna Di Sughero, un nuovo progetto di community interna

By Camilla Mantella 7 mesi agoNo Comments

Come consulenti, a volte fatichiamo a ritagliarci momenti di scambio che vadano oltre le riunioni dei singoli team. E’ per questo che abbiamo deciso di dare vita ad uno spazio on line dove incontrarsi, aggiornarsi e tenersi in contatto.

Lavagna Di Sughero è la nuova community riservata al personale interno di Miriade. Uno strumento alternativo a mail e chat per rimanere connessi al mondo Miriade anche quando i progetti e le esigenze dei clienti ci portano a lavorare in sedi diverse, così da superare i limiti fisici e condividere informazioni ed esperienze.

lavagna di sughero

Lavagna Di Sughero, ospitata su un’apposita cerchia di Google+, è, in sostanza, un progetto di condivisione aziendale. Un’iniziativa che può essere utile a tutte quelle realtà che non vogliono rinunciare allo scambio e al confronto ma che hanno difficoltà, per il tipo di attività svolta o per il modello di organizzazione aziendale, a riunirsi fisicamente in una stessa sede.

Come qualsiasi progetto, anche la strutturazione di una community interna richiede cura e strategia. Lavorando a Lavagna di Sughero abbiamo raccolto spunti ed esperienze che possono tornare utili alle imprese che desiderano sperimentare una nuova forma di dialogo aziendale. Eccone alcuni.

LA SCELTA DELLA PIATTAFORMA

La community si configura come un social network a cui possono accedere solo utenti invitati. Dal momento che in azienda utilizziamo il cloud Google per la comunicazione e la condivisione di documenti, le cerchie di Google + sono state l’opzione più naturale. Trattandosi di confronti lavorativi, il consiglio è di scegliere piattaforme che permettono di controllare e proteggere le informazioni e di monitorare gli accessi.

UNA COMUNICAZIONE ORDINATA

“Social network aziendale” non può diventare sinonimo di “calderone indistinto di informazioni”. Per questo è importante suddividere le comunicazioni per argomenti, attribuire etichette e rendere immediatamente riconoscibili i temi. In Miriade, ad esempio, abbiamo scelto di contrassegnare con nomi e tipologie di pubblicazione diverse le comunicazioni di servizio, quelle relative ad eventi e nuovi progetti, quelle riservate al divertimento (feste aziendali, pause organizzate per i compleanni…) e quelle dedicate alle idee più interessanti che i collaboratori desiderano condividere per migliorare l’azienda.

LA PROMOZIONE

La community va promossa e adeguatamente lanciata: si tratta pur sempre di una novità e non è automatico che il cambiamento venga subito assorbito con facilità. Quando parte della comunicazione aziendale viene spostata su un canale alternativo è necessario spiegare la scelta, evidenziare i punti di forza e concedere un periodo di rodaggio per abituare tutti i collaboratori a sentirsi liberi di condividere su uno spazio di questo tipo quello che prima gestivano via mail o di persona.

LA MODERAZIONE

Una volta lanciata – soprattutto nelle prime settimane che seguono la creazione della community – la piattaforma non può essere lasciata a sé stessa. Nel primo periodo la timidezza avrà la meglio e bisognerà prevedere che la community venga animata e moderata costantemente da un team dedicato a tenerla viva. In questo modo si creerà una consuetudine, tutti gli utenti acquisteranno familiarità e in breve il gruppo riuscirà ad affiatarsi.

Una community interna riservata al proprio team di lavoro può essere un’ottima opportunità per migliorare la comunicazione aziendale. Continua a seguirci su Facebook e LinkedIn per scoprire le prossime iniziative di marketing interno sperimentate da Miriade.

Category:
  Miriade .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.