Blog

  • lego serious play
    +
    Lego Serious Play: quando il gioco si fa serio
  • responsabilità sociale miriade
    +
    Relazioni e territorio, la nostra idea di responsabilità sociale
  • Fabbrica futuro Venezia Industria 4.0
    +
    Fabbrica Futuro Venezia: riflessioni sull’industria 4.0
  • corsi di informatica avanzata
    +
    Corsi di informatica avanzata: disponibile il nuovo catalogo Miriade
  • webinar informatica
    +
    Webinar, quando l’evento è on line
  • mostra che impresa
    +
    Miriade è sponsor di “Che Impresa! Le aziende si raccontano ai bambini”
  • middleware
    +
    Middleware, al centro del cambiamento
  • consulenza database administration
    +
    Sito Miriade: tutte le novità
  • lavagna di sughero
    +
    Lavagna Di Sughero, un nuovo progetto di community interna
  • talent management
    +
    Una Miriade di stelle, il talent management come risorsa
  • digital transofrmation consulting
    +
    Quanto è digitale la tua azienda?
  • sistemi e impresa big data
    +
    Sistemi e Impresa: Big Data, la testimonianza di Miriade

PMI, è tempo di digitale

By Camilla Mantella 6 mesi agoNo Comments

Le piccole imprese italiane hanno capito la centralità di Internet. In un articolo a firma del giornalista Sandro Mangiaterra su IlSole24Ore si evidenzia come siano ormai più del 90% le aziende del Bel Paese che considerano centrale la presenza sul web. Il problema, però, è che ben il 30% delle imprese non ha ancora un dominio registrato on line.

A rimanere indietro sono soprattutto le microimprese fino a 9 addetti impegnate nel manifatturiero e nei servizi: piccole aziende edili, negozi, artigiani che rimangono ancora fuori dalla rete e si precludono in questo modo la possibilità di attirare nuovi clienti in un contesto, come quello italiano, dove il 63% della popolazione è attiva sul web e dove quasi 13 milioni di persone acquistano abitualmente su Internet.

digital transformation piccole imprese

Sono realtà, quelle prese in esame, che non dispongono di domini registrati e che sono scarsamente attive sui social network. Certo, i siti .it attualemente attivi sono ormai arrivati a 3 milioni, ma la strada da percorrere è ancora molto lunga. E anche chi si “sente al sicuro” perché ha un proprio spazio on line e gestisce pagine Facebook, LinkedIn o Twitter non deve sedersi sugli allori: sono ancora moltissime le microimprese senza servizi di e-commerce (parliamo del 91% del totale) e senza piani di marketing e comunicazione on line che vadano oltre la semplice pianificazione di contenuti editoriali.

Come fare per recuperare il terreno perduto? Formazione, formazione e formazione – magari ricorrendo a programmi come quelli di Eccellenza in Digitale di cui abbiamo recentemente scritto – e volontà di affidarsi a consulenti tecnologici capaci di rispondere adeguatamente alle proprie esigenze.

Photo credits: Pixabay

Category:
  Miriade .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.