Blog

  • chatbot
    +
    Chatbot, la nuova frontiera dell’intelligenza artificiale
  • consigli di viaggio IT
    +
    5 viaggi per gli IT addicted
  • lavoro informatica veneto
    +
    Lavorare nell’informatica: una crescita quotidiana
  • consigli libri estate
    +
    Un’estate da IT: 5 consigli di lettura
  • decision making
    +
    Decision making: i dati sostituiranno i manager?
  • beacon app
    +
    Ubiika: il mondo delle beacon app su Digical Channel
  • big data visual thinking
    +
    Progettare il futuro, tra Big Data e Visual Thinking
  • applicazione raccolta fondi
    +
    Miriade e CIAI promuovono un’applicazione raccolta fondi solidale
  • lego serious play
    +
    Lego Serious Play: quando il gioco si fa serio
  • responsabilità sociale miriade
    +
    Relazioni e territorio, la nostra idea di responsabilità sociale
  • Fabbrica futuro Venezia Industria 4.0
    +
    Fabbrica Futuro Venezia: riflessioni sull’industria 4.0
  • corsi di informatica avanzata
    +
    Corsi di informatica avanzata: disponibile il nuovo catalogo Miriade

Cos’è la data science e perché tutti ne parlano

By Camilla Mantella 8 mesi agoNo Comments

Tra poche ore saremo tutti intenti a festeggiare il nuovo anno in arrivo. Niente di più azzeccato, dunque, del parlare di data science, la disciplina del futuro che sta già iniziando a farsi largo tra gli analisti, gli scienziati e i matematici di tutto il mondo e che, ne siamo sicuri, incuriosirà studenti e professionisti per tutto il 2017 (ma pure, prevediamo, per gli anni successivi).

Cos’è

La data science è una branca del sapere che si fonda su conoscenze relative all’integrazione dei dati, allo sviluppo di algoritmi e alle capacità tecnologiche: di fatto si concentra sulla risoluzione analitica di problemi complessi.

Il cuore della data science, ovviamente, sono i dati e il data scientist è colui che è in grado di utilizzare i dati in modo creativo per generare valore. Un professionista della data scientist coniuga la formazione matematica con competenze informatiche e intuizioni strategiche.

data-science

Siamo di fronte ad un approccio di tipo multidisciplinare che si concentra su due diversi fronti.

Insight

Il compito principale di un data scientist è quello di esplorare i dati. Sulla base di precise domande – tipicamente richieste del business e relative, ad esempio, all’andamento della produzione o delle vendite o alla riorganizzazione delle risorse – il data scientist diventa un vero e proprio investigatore e mette in campo tutta la sua creatività analitica. Armato di strumenti tecnologici (come l’Analytics Platform di Knime) e algoritmi di machine learning riesce ad esaminare e prevedere scientificamente correlazioni tra fenomeni che ad una prima analisi risultano invisibili. Il suo obiettivo è ottenere insights quanto più accurati per fornire al business una panoramica precisa del problema da risolvere.

Sviluppo di data products

Possono i dati produrre altri dati utili? Certo che sì! La data science nasce per comprendere i dati e analizzarli, ma pure per valorizzarli e far sì che, adeguatamente interrogati e correlati, generino informazioni utili non solo a capire i fenomeni, ma pure ad orientarli. Amazon, Netflix, Spotify – ma pure il filtro antispam di Gmail – impiegano quotidianamente applicazioni sviluppate dai data scientists che sfruttando intelligenze artificiali sempre più accurate consentono alle macchine di costruire motori di raccomandation (che ci suggeriscono cosa comprare, cosa guardare, cosa ascoltare in base ai nostri gusti) o di apprendere quali sono le comunicazioni che non desideriamo proprio ricevere.

La scienza dei dati è il futuro. Le sue parole d’ordine sono digital transformation, analitiche predittive, Big Data. Segniamoci queste parole chiave: noi di Miriade siamo sicuri che ci terranno compagnia per tutto il 2017!

Photo credits: Pixabay

Category:
  Miriade .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.