Blog

  • data governance
    +
    Data governance, quando a contare sono controllo, accuratezza e integrità
  • as one analytics
    +
    As One e il caso DWS protagonisti al Visualize Your World
  • google cloud summit
    +
    Google Cloud Summit H-FARM: il racconto
  • business case
    +
    Non ci sono case histories: quando l’innovazione è frenata dalla mancanza di referenze
  • big data algoritmi
    +
    Big Data, è ora di ripensare al potere degli algoritmi
  • google drive file stream
    +
    Novità Google: Google Drive File Stream
  • cena aziendale
    +
    Buon rientro!
  • novità informatica
    +
    Benvenuto Settembre! E’ tempo di novità informatiche
  • spazio-di-co-working
    +
    Co-working: come si sta trasformando l’ufficio condiviso
  • chatbot
    +
    Chatbot, la nuova frontiera dell’intelligenza artificiale
  • consigli di viaggio IT
    +
    5 viaggi per gli IT addicted
  • lavoro informatica veneto
    +
    Lavorare nell’informatica: una crescita quotidiana

Chatbot, la nuova frontiera dell’intelligenza artificiale

By Camilla Mantella 2 mesi agoNo Comments

Un’assistente virtuale, capace di rispondere alle tue domande e di aiutarti nello svolgimento delle attività quotidiane: questa, in buona sostanza, l’essenza delle chat bot, i software di interazione uomo – macchina che, perlopiù in formato testuale, puntano a sostituirsi progressivamente alle comunicazioni umane di livello basico.

Nelle possibili applicazioni industriali, le chat bot risultano perfette per impartire semplici ordini e per ottenere informazioni puntuali

chatbot

Le conversazioni tra uomo e robot, con risposte in tempo reale, sono un sogno informatico dalla storia lunga e tortuosa. Già negli anni ’50 Alan Turing aveva ipotizzato la possibilità di programmare una macchina perché pensasse e agisse come un essere umano e da allora sono stati tanti, in tutto il mondo, i ricercatori che si sono misurati con questa sfida.
Oggi, grazie ad algoritmi sempre più intelligenti e a tecniche di machine learning avanzate, il sogno sembra stia diventando realtà. La strada verso un’interazione “alla pari” tra uomo e macchina, tuttavia, è ancora tutta da percorrere. Le soluzioni oggi presenti sul mercato hanno ancora un livello di sviluppo piuttosto basso.

Una chat intelligente

La vera sfida, per gli sviluppatori, è quella di riuscire a riprodurre i processi cognitivi umani, che sono notoriamente contraddistinti da una spiccata complessità e che, per alcuni osservatori, hanno alla base una componente di conoscenza “innata” che corrisponderebbe al bagaglio di conoscenze base con cui un neonato viene al mondo.

Nell’impossibilità di poter sfruttare questo bagaglio, il compito dei programmatori è quello di sottoporre i sistemi di chat bot a stimoli mirati, che permettano di rispondere alle richieste dell’uomo dall’altra parte dello schermo. E proprio qui sta la difficoltà: i quesiti umani sono potenzialmente infiniti e attualmente non esiste un sistema in grado di gestirli tutti.

Il chat bot con un’intelligenza artificiale “totale”, che sappia assistere l’uomo in qualsiasi frangente, dalle risposte sulle condizioni del meteo all’organizzazione di un evento, è ancora di là da venire.

Tuttavia, sono già in fase di sviluppo avanzato delle soluzioni pensate per le imprese capaci di fornire indicazioni puntuali ovunque ci si trovi grazie a chat che lavorano sulla base dati aziendali.
E’ così possibile essere informati, in real time, sull’andamento dell’impresa in modo accurato e veloce, senza dover ricorrere alla comunicazione umana.

Il team development di Miriade è al lavoro sull’argomento.
Continua a seguirci su LinkedIn e Facebook per rimanere aggiornato su tutte le novità di sviluppo!

Image credit: Miriade Spa

Category:
  Miriade .
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply

Your email address will not be published.